Amanda Todd, la vittima di cyberbullismo

18 ott 2012 Redazione GQ Italia

Amanda Todd era un’adolescente: è morta a causa di una foto a seno nudo. Dopo anni di minacce sul web da parte di uno stalker, ha scelto il suicidio. E gli hacker di Anonymous, per vendicarla, hanno combinato un pasticcio

amandaToddAmanda Todd era una adolescente di 15 anni. Si è tolta la vita il 10 ottobre: il motivo del suicidio è stato attribuito al “cyberbullismo“, ovvero a ripetute vessazioni che la ragazza ha subito via internet. Il 7 settembre di quest’anno, Amanda pubblicava su YouTube My Story: Struggling, bullying, suicide and self harm, il suo ultimo grido d’allarme: nel video raccontava la storia del sopruso subiva da anni. La storiaccia risaliva a qualche anno prima, quando frequentava le videochat in cerca di nuove amicizie; all’epoca aveva dodici anni; in un’occasione, raccontava Amanda, cedette alle moine di uno sconosciuto, che la convinse a mostrare un seno in cam. Un gioco da ragazzi, probabilmente privo di quella la malizia che tante coetanee di Amanda mettono nei loro autoscatti pubblici o nelle sessioni in webcam con fidanzati e fidanzati virtuali. Comunque, da quel momento in poi cominciò a ricattarla. O meglio: a tormentarla. Divenne, come si dice nel gergo della rete, un “roll”, ovvero una presenza fastidiosa, che si muove unicamente per dare fastidio alla pax digitale. Qualche giorno dopo, la foto del topless di Amanda fu pubblicata in rete e – un anno più tardi – ritornò come icona di un profilo Facebook. Intanto l’equilibrio psicologico di Amanda precipitava: la quindicenne entrò in  depressione e cambiò più volte scuola; tentò il suicidio una prima volta, ma fu salvata in tempo. Infine, il 10 ottobre scorso, è riuscita a togliersi la vita.Negli anni la teenager ha chiesto aiuto, interpellato la polizia, si è affidata alla famiglia e agli amici, è ricorsa al supporto di specialisti. Ma alla fine, è caduta. Vittima di un roll che per anni si è divertito alle sue spalle rimanendo sconosciuto. Questo, fino a lunedì.

Perché a questo punto nella storia entra Anonymous.

Il gruppo hacker più famoso del mondo ha in qualche modo “adottato” il caso di Amanda Todd: una vittima della Rete che la Rete ha voluto vendicare a modo suo, ovvero rendendo pubblica l’identità del troll: come è d’uopo nell’epoca dell’iperconnessione, nella cache che è stata diffusa da Anonymous erano elencati i suoi profili social, gli account ad alcuni siti “perv” come Jailbait, più una serie di foto, trascrizioni di chat. Soprattutto, è stato pubblicato l’indirizzo del colpevole.

Sul web è partita la fatwa. Anonymous ha lanciato la guerra santa contro il roll che aveva fatto suicidare la ragazzina e un piccolo esercito di vendicatori da browser si è candidato al linciaggio del colpevole.

Unico problema: l’indirizzo era quello sbagliato. “This is not the correct person”, ha postato Anonymous New Jersey sulla sua popolare pagina Facebook. Da lì in poi sono sorti i dubbi:  forse la persona era  quella giusta, ma l’indirizzo sbagliato; inoltre pare che il troll sia un ragazzo di 19 anni e non un uomo di 32, come inizialmente si era detto. In più, la polizia ha smentito l’identità del colpevole.

Insomma, i dubbi sono tanti. E in molti si chiedono – anche in seno ad Anonymous – perché il bullo non dovrebbe avere diritto a un regolare processo. D’altro lato, la campagna di doxing, la pubblicazione di dossier da parte di Anonymous, potrebbe forse dissuadere da casi del genere altri troll – o forse sarebbe il caso di chiamarli orchi. Ma lo scenario più inquietante è quello di un Terrore digitale, che stia alla rivoluzione digitale come gli anni della ghigliottina facile furono il postulato di sangue che seguì alle utopie della Rivoluzione Francese.

  • Alessandro De Gaetano

    Come può una ragazza arrivare a togliersi la vita per “vergogna”?